FederAgenti > Notizie > Attenti ai versamenti Enasarco!
La Redazione La Redazione - 24 Novembre 2014

Attenti ai versamenti Enasarco!

L’attuale Regolamento esclude dal calcolo gli anni in cui non viene raggiunto il minimale

Condividi questo Articolo su:

Una recente interrogazione parlamentare (n° 3-01376 presentata dalla Senatrice Nunzia Catalfo (M5S) dello scorso 4 novembre 2014) ha trattato il caso di un agente di commercio che non si è visto riconosciuto un anno di contribuzione a fini pensionistici. In particolare all’agente non è stata data la possibilità di vedersi riconosciuto ai fini previdenziali i contributi versati nell’anno 1983 in quanto inferiori al minimale. Tale riconoscimento avrebbe evitato la penalizzazione della pensione che invece ha subito. L’Enasarco  ha, comunque, concesso in via straordinaria l’autorizzazione al versamento volontario che  è andato a coprire l’anno 2013. In questo modo però l’agente ha visto ridotto l’importo della propria pensione.Infatti laddove un anno non risulti coperto da minimale, in virtù del regolamento vigente (art. 13 lettera a), ma comunque già con il Regolamento 2004, l’ente può non riconoscere l’anno sebbene in presenza di un versamento. Sarebbe bene sapere però che nel 1983 (anno in contestazione nel caso di specie), i soldi versati dall’agente sarebbero bastati per coprire l’annualità perché allora la norma regolamentare era diversa . L’Ente, quando nel 2004 ha modificato il Regolamento  si è ben guardato bene dal verificare le situazioni ed avvertire chi, come il signore del caso in esame, aveva un versamento effettuato oltre 20 anni prima divenuto, poi insufficiente ai fini dei conteggi pensionistici. A noi pare evidente l’ingiustizia perpetrata in danno a questo agenti che al tempo del versamento erano in regola con le norme pensionistiche e che al momento di andare in pensione hanno visto scartati uno o più anni a seguito di una modifica effettuata nel 2004 che ha dispiegato i suoi effetti anche per il passato. I legali Federagenti stanno già studiando questi casi (quello segnalato nell’interrogazione non è l’unico), per cui invitiamo i colleghi agenti in questa situazione a contattare immediatamente la nostra sede più vicina.

Condividi questo Articolo su: