Da Pluri a Monomandatario. Pro e contro

FederAgenti > Legale

Da Pluri a Monomandatario. Pro e contro

Accade spesso che agenti plurimandatari, in realtà operino per una sola mandante. La situazione crea una certa confusione negli agenti che spesso chiedono chiarimenti su quali sono i loro diritti e se di fatto debbano essere considerati monomandatari. Visto che riceviamo molte richieste di chiarimenti sul punto, riportiamo, di seguito, la risposta fornita alcuni mesi… Continua »

Riunioni aziendali, a carico di chi sono le spese di viaggio e soggiorno?

Ci chiedete spesso di sapere a carico di chi sono le spese (viaggio e soggiorno) quando l’azienda convoca delle riunioni in sede.  In linea di massima se il contratto individuale non prevede nulla di specifico si deve far riferimento alla fonte normativa richiamata dal contratto stesso (codice civile o AEC di Settore e/o categoria). Ecco… Continua »

Agente plurimandatario e limiti all’acquisizione di nuovi mandati

Domanda: Sono plurimandatario, ma nel contratto è previsto che io debba informare l’azienda di ogni eventuale nuovo mandato acquisito. È legittimo ? Risposta: Il codice civile e l’AEC Commercio dispongono unicamente che l’agente (plurimandatario) non possa rappresentare ditte in concorrenza, lasciando così chiaramente intendere l’assoluta liceità della possibilità per il plurimandatario di rappresentare più aziende…. Continua »

Tutele dell’agente a fronte della cessione del ramo d’azienda

Domanda:  La preponente ha ceduto il ramo d’azienda che produce il marchio per cui ho il mandato ad una nuova società che, trascorsi oltre 2 mesi,  ha comunicato solo la restrizione degli articoli che andranno in produzione ma non ha ancora fatto sapere nulla né della sua politica commerciale, né di come intende sostituire gli… Continua »

Novità sul “Collegato Lavoro”

Dal 31 dicembre 2011, cambiano i termini di decadenza per contestare i licenziamenti. L’impugnazione del licenziamento, ritenuto illegittimo, dovrà essere formulata, a pena di nullità, entro 60 giorni e seguita dalla presentazione del ricorso al giudice del lavoro o dalla richiesta del tentativo di conciliazione facoltativo nei successivi 270 giorni. Tali disposizioni secondo il dettato… Continua »

Sono dovute le provvigioni in caso di insolvenza parziale del cliente?

Domanda: La mandante non paga le provvigioni perché l’ordine è rimasto parzialmente impagato dal cliente. La parte rimasta inevasa è pari a circa il 10% – 12% dell’ordine. È corretto l’operato dell’azienda? Risposta: In assenza di specifiche pattuizioni contrattuali che lo consentano l’operato dell’azienda pare illegittimo. Infatti l’eventuale riferimento al regime previsto d dall’art. 6… Continua »